Allenarsi in casa, divertendosi: tre esercizi per piccoli atleti

«Come farei a spiegare a un bambino cos’è la felicità? Non glielo spiegherei: gli darei un pallone e lo lascerei giocare». La celebre citazione della teologa tedesca Dorothee Sölle è un motto imprescindibile per Alberto Griggio, preparatore atletico padovano, che oggi ci svela qualche trucco per continuare a divertirsi – grandi e piccoli atleti insieme – senza allontanarsi da casa. Perché se il pallone è un simbolo, allenamento e movimento fisico restano fondamentali, anche in tempi di restrizioni anti-Covid.


Nel video che ha preparato per tutte le mamme e tutti i papà che non perdono una puntata degli approfondimenti di “Dote inMovimento”, Alberto Griggio, 28 anni, laureato in Scienze motorie e socio dell’associazione sportiva padovana “Next Team” con cui organizza eventi sportivi e centri estivi per bambini, ci mostra qualche semplice attività da fare per rimanere sempre attivi e in salute!

«Ho pensato di proporvi degli esercizi – afferma Griggio – adatti ai bambini e ai ragazzi in età da scuola primaria che abbiano come obiettivo quello di migliorare sempre più e mantenere elevate principalmente le capacità coordinative, basate perlopiù sull’efficienza dei meccanismi di elaborazione, controllo e regolazione del movimento. Per eseguirli saranno sufficienti dei semplici oggetti che si trovano in casa. Il risultato? Allenarsi, divertendosi!».

Ma vediamo più da vicino di cosa si tratta.

«La capacità coordinativa che alleneremo svolgendo i tre esercizi – spiega – è espressione della funzionalità del sistema nervoso centrale nell’organizzazione dei gesti motori e determina in modo significativo la qualità stessa del movimento. In particolare, il primo esercizio sarà utile a stimolare ed allenare capacità coordinative speciali quali capacità di combinazione ed accoppiamento e capacità di differenziazione cinestesica. Nel secondo esercizio le capacità coordinative speciali maggiormente coinvolte saranno le capacità di ritmo e le capacità di combinazione e accoppiamento. L’ultimo esercizio servirà invece a sviluppare fantasia motoria, orientamento, reazione ed adattamento dei bambini».

«Le varianti proposte, che possono essere arricchite secondo fantasia, sono da ripetersi 4-5 volte al giorno per 3-4 volte la settimana. Infine, un ultimo consiglio: per coinvolgere ancora di più i vostri piccoli atleti – conclude l’esperto – potreste invitarli a stabilire, per esempio nell’ultimo esercizio suggerito, quello con il pallone, sempre nuovi record personali».