Il giusto fabbisogno calorico nella dieta dei piccoli atleti

Prosegue il nostro viaggio alla scoperta dei segreti della dieta ideale per i nostri piccoli atleti. Guidati dal dottor Angelo Motta, specialista in Diabetologia e Malattie del ricambio, oggi parliamo di “fabbisogno energetico”. Medico sociale e nutrizionista del Treviso Basket, il dottor Motta collabora con Assosport alla nuova edizione del progetto “Dote inMovimento” con l’obiettivo di suggerire alle mamme e ai papà di bambini che frequentano la scuola primaria preziosi consigli sulla loro alimentazione.

Ecco cosa ci ha spiegato a proposito di alimenti e calorie da introdurre nell’arco di una giornata:

«Il giusto fabbisogno energetico giornaliero per un bambino di sei anni si aggira attorno alle 1.800 calorie, che salgono fino alle 2.500-2.600 per un bambino di 11 anni. Parliamo – precisa il dottor Angelo Motta – di fabbisogno calorico medio: è necessario infatti tenere presenti numerose variabili, tra cui genetica e tipo di attività fisica svolta dal bambino. E parliamo di fabbisogno energetico medio per bambine e bambini indistintamente (fino ai 15 anni d’età non si evidenziano infatti differenze in base al sesso). Un bambino iscritto a un corso di pattinaggio o di equitazione, ad esempio, consumerà circa 500 calorie l’ora, ben circa 900 le calorie spese invece ogni ora da un bambino che pratica nuoto.

È buona prassi – precisa il dottor Motta – suddividere il totale delle calorie da assumere nell’arco di una giornata in cinque pasti ed è necessario educare i nostri figli sin da piccoli a non trascurare la colazione, che è il momento più importante della giornata, fondamentale per fare il pieno di energie. Quanto agli altri appuntamenti con la tavola, tra colazione e pranzo dovrebbe essere incamerato il 60% del carico di energie totale consigliato, mentre il restante 40% di calorie andrebbe introdotto tra merenda pomeridiana e cena».